IL VANGELO DELLA DOMENICA

Riflessione a Cura di Mons. Erminio Villa

II DOMENICA DI AVVENTO (B)

22 novembre 2020

VANGELO Mt 3, 1-12
✠ Lettura del Vangelo secondo Matteo

In quei giorni venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea dicendo: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!».

Egli infatti è colui del quale aveva parlato il profeta Isaia quando disse: «Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri!». E lui, Giovanni, portava un vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi; il suo cibo erano cavallette e miele selvatico. Allora Gerusalemme, tutta la Giudea e tutta la zona lungo il Giordano accorrevano a lui e si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere! Chi vi ha fatto credere di poter sfuggire all’ira imminente? Fate dunque un frutto degno della conversione, e non crediate di poter dire dentro di voi: “Abbiamo Abramo per padre!”. Perché io vi dico che da queste pietre Dio può suscitare figli ad Abramo. Già la scure è posta alla radice degli alberi; perciò ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. Io vi battezzo nell’acqua per la conversione; ma colui che viene dopo di me è più forte di me e io non sono degno di portargli i sandali; egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala e pulirà la sua aia e raccoglierà il suo frumento nel granaio, ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile».

  1. “Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!”

Per quanto la si legga e rilegga, questa frase non finisce di stupire e ancor più ci si stupisce del fatto (più unico che raro) che questa espressione ricorra per ben tre volte nello stesso vangelo. Sono infatti le prime parole che proclama il Battista, che annuncia lo stesso Gesù all’inizio della sua missione, e sono le primissime parole che dovranno predicare i discepoli quando saranno inviati in missione.

L’evangelista Matteo vuole così mostrare Giovanni come l’anticipatore che prepara la strada al Cristo che viene, e i discepoli come i continuatori che proseguono la sua missione. Gesù è quindi il messaggero di un evento appena iniziato con la predicazione del Battista e ormai in pieno svolgimento.

  1. Il Regno di Dio viene

Il messaggio evangelico, prima di essere un insegnamento, è un annuncio, un grido di gioia: Ma perché questa espressione è così importante per l’evangelista? La risposta è chiara: perché essa contiene il kerygma, il messaggio-base di ogni missione cristiana. Nella sua semplicissima struttura, questo annuncio risulta composto da un imperativo (convertitevi!) e da un indicativo (il regno dei cieli è vicino). Quindi, un’esortazione e un’affermazione, un comportamento e un evento.

Logicamente viene prima l’evento, realizzato da Dio (la venuta del suo regno) e poi la conseguenza che ne dobbiamo tirare (la nostra conversione). Come si vede, precede l’iniziativa di Dio, poi viene la nostra risposta; prima l’avvenimento, poi il comportamento; prima il dono-pegno, poi l’impegno. Ma cos’è questo regno dei cieli? Noi pensiamo subito a qualcosa che riguarda l’aldilà: la vita eterna.

Certo avrà una sua fase ultraterrena, ma la bella notizia che Gesù ci porta (Giovanni l’anticipa) è che il Regno di Dio è in arrivo, anzi in qualche modo è già presente. La storia è arrivata alla svolta decisiva: la grande promessa comincia a realizzarsi.

  1. Il regno di Dio è presente nella nostra storia

Non risolve magicamente i nostri problemi, ma là dove viene accolto nell’umiltà e nella gratitudine, lì fiorisce la pace e la giustizia, la libertà e la vera fraternità. Con Gesù è Dio stesso che viene in mezzo a noi a liberarci dalla lebbra dell’egoismo, dalla peste dell’invidia, dalla droga del successo. Ad una condizione: che operiamo una inversione ad U nella nostra vita, un cambiamento di direzione: questa è la conversione.

Ma anziché fare discorsi teorici, conviene specchiarci in una storia concreta di conversione, quella di Francesco d’Assisi. Immaginiamo di incontrare il figlio di Pietro di Bernardone: è un giovane che scoppia di vita e di sogni. E ha i mezzi per realizzarli. Il suo avvenire è senza problemi: soldi, belle compagnie, notti folli. Cosa gli manca? C’è una cosa che Francesco cerca e non trova: la felicità. Ma finché resta com’è non la troverà mai, perché scambia la gioia con il piacere, la libertà con la voglia, la verità con l’opinione. Francesco non è nato santo: lo è diventato.

Le fonti francescane ricostruiscono in modo dettagliato e convergente il processo della sua conversione: dopo varie delusioni e sconfitte, il giovane Francesco viene toccato dalla grazia di Dio e vi si arrende, disarmato e disponibile. Finora non ha vissuto una vita dissoluta; ha semplicemente immaginato di poter servire Dio e gli idoli del suo tempo: la gloria militare, il piacere di festini e corteggi, il sogno di essere il primo, sempre e in tutto. Ora si ritrova distrutto, ma dopo varie esperienze, finalmente Francesco smise di adorare se stesso Questa è la conversione più radicale: è la rinuncia al padre di tutti gli idoli, il nostro Io, per far posto a Dio; è “allontanarsi dagli idoli per servire al Dio vivo e vero”.

don Erminio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *