IL VANGELO DELLA DOMENICA

II giorno dell’OTTAVA DI NATALE (C)

 26 dicembre 2021

VANGELO Gv 15, 18-22
✠ Lettura del vangelo secondo Giovanni

In quel tempo. Il Signore Gesù disse: «Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; poiché invece non siete del mondo, ma vi ho scelti io dal mondo, per questo il mondo vi odia.

Ricordatevi della parola che io vi ho detto: “Un servo non è più grande del suo padrone”. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra. Ma faranno a voi tutto questo a causa del mio nome, perché non conoscono colui che mi ha mandato. Se io non fossi venuto e non avessi parlato loro, non avrebbero alcun peccato; ma ora non hanno scusa per il loro peccato».

  1. Scelti ed educati ad amare

Abbiamo ancora in mente e nel cuore le parole deliziose che abbiamo sentito da Gesù: “Io ho voluto scegliervi. E vi ho scelti con questo intento: donarvi la mia amicizia”.

Qui, però, abbiamo sentito dire da Gesù cose che hanno un sapore assai meno delizioso: “Avrete odio, avrete persecuzione”. C’entra sempre la scelta del Signore: infatti, a proposito della sua scelta Gesù precisa una caratteristica dalle conseguenze molto preoccupanti: “Vi ho scelti io dal mondo”. Questa scelta ha comportato un cambio di cittadinanza: l’abbandono del mondo, che ha l’odio come logica, come legge, come stile di vita e il passaggio allo schieramento opposto, il passaggio a quel mondo, che ha invece l’amore come logica, come legge, come stile di vita.

  1. Scegliamo di essere/restare amici di Gesù

Deve esserci pertanto chiara questa cosa. Se si è amici di Gesù ci si apre davanti una prospettiva esaltante: l’amore di Gesù, che è l’amore massimo; la comunione d’amore con gli altri; il godimento della paternità di Dio con tutta la sua sollecitudine.

Ma anche: se si è amici di Gesù ci si apre davanti certamente un’altra prospettiva tutt’altro che esaltante: l’ostilità, l’assalto, l’aggressione del mondo contrapposto, il mondo che odia Gesù, odia la realtà di amore, proposta e promossa da Gesù; il mondo che odia gli amici di Gesù, perché scorge in loro dei traditori, che sono passati al campo opposto.

E quanto è facile che questa presenza minacciosa di questo mondo dell’odio diventi negli amici di Gesù preponderante e porti a perdere il senso e il valore della sua amicizia!

  1. L’amico Gesù ci manda il suo Spirito

L’amico Gesù lo sa: conosce bene la malvagità del mondo dell’odio, perché ne ha fatto esperienza personale. L’amico Gesù conosce anche molto bene la nostra fragilità: quella sera nel cenacolo con estrema chiarezza vide quali sarebbero state le scelte degli amici, che aveva accanto: tradimento, rinnegamento, fuga… In ogni momento conosce anche le nostre fragilità.

Perciò in ogni momento Gesù ci mette sotto l’azione del suo Spirito, che ha una missione specifica: mentre noi ci misuriamo con l’odio del mondo e le paure, che esso suscita in noi, mentre siamo tentati di vedere solo questo e di tenere conto solo di questo, lo Spirito di Gesù tiene desta in noi la consapevolezza dell’altra prospettiva, che ci è assicurata in quanto amici di Gesù: l’amore di Gesù, che è l’amore massimo; la comunione d’amore con gli altri, il godimento della paternità di Dio con tutta la sua sollecitudine.

don Erminio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file ( cookie) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici), per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione ( cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma [tu] hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore . Cookie policy