IL VANGELO DELLA DOMENICA

Riflessione a Cura di Mons. Erminio Villa

 II DOPO L’EPIFANIA (C)

16 gennaio 2022

VANGELO Gv 2, 1-11
✠ Lettura del Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo. Vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c’era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli. Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno vino». E Gesù le rispose: «Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora».

Sua madre disse ai servitori: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela ». Vi erano là sei anfore di pietra per la purificazione rituale dei Giudei, contenenti ciascuna da ottanta a centoventi litri. E Gesù disse loro: «Riempite d’acqua le anfore»; e le riempirono fino all’orlo. Disse loro di nuovo: «Ora prendetene e portatene a colui che dirige il banchetto». Ed essi gliene portarono. Come ebbe assaggiato l’acqua diventata vino, colui che dirigeva il banchetto – il quale non sapeva da dove venisse, ma lo sapevano i servitori che avevano preso l’acqua – chiamò lo sposo e gli disse: «Tutti mettono in tavola il vino buono all’inizio e, quando si è già bevuto molto, quello meno buono. Tu invece hai tenuto da parte il vino buono finora». Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù; egli manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui.

  1. Manca il vino

Venuto a mancare il vino”. Quante volte facciamo questa esperienza, nelle nostre vite. Partiamo, entusiasti, convinti, determinati poi, cammin facendo, viene a mancare il vino.

Una sofferenza, un fallimento, un’esperienza negativa. Vediamo che manca qualcosa di importante. Il vino, simbolo della gioia, della festa, della gratuità. Ve la immaginate una festa di nozze senza vino? Manca il vino, manca la voglia di vivere, di andare avanti, di fare festa.

Allora tutto diventa grigio, faticoso, rancoroso. E cresce la rabbia, l’aggressività, la depressione. Abbiamo concluso il tempo di Natale e fatto memoria del nostro Battesimo. E, subito, con duro realismo, la Liturgia ci consegna il vangelo di Giovanni, il miracolo numero uno come scrive l’evangelista, quello che sta alla base di ogni altra esperienza di fede.

  1. Maria si accorge e interviene

Maria, figlia di Israele, in questo strano matrimonio in cui mancano gli sposi e protagonisti sono i camerieri e lo sconosciuto Gesù, si rivolge a noi. Sono le uniche parole rivolte ai discepoli. Ha parlato con gli angeli. E con Elisabetta. E con suo figlio, custode del mistero. Ora parla a me. “Fate quello che vi dirà”. Manca il vino. Già.

Nella vita di ciascuno di noi. Nella vita di coloro che abbiamo accanto. Spesso, purtroppo, anche nelle nostre comunità che vivono in un perenne lutto.

E Maria se ne accorge. Lei è la prima che vede che manca qualcosa alla nostra vita. E ne informa il Figlio. E a noi intima: fate. Non: aspettate. Non: pregate. Non: pazientate. Non: rassegnatevi. Fate. La gioia di costruisce, mica si attende. Si plasma.

Dobbiamo riempire le giare fino all’orlo. Con l’acqua, non abbiamo altro. Dal poco al tutto. Dall’insignificante al miracolo. Giare di pietra che certamente non erano presenti in quella festa. Ma all’ingresso del tempio di Gerusalemme, contenenti acqua per la purificazione. In pietra e sei, una in meno del numero della perfezione che è sette. Simbolo di una fede stanca, impietrita, trascinata. Come spesso è la nostra. Eppure proprio questa fede va riempita.

Non snobbata. Non abbandonata. Ma vissuta con tutto ciò che siamo. Obbediscono, i camerieri. Obbediamo, noi servi inutili. Quante altre cose dovevano fare in quel servizio matrimoniale! Con quanto poco entusiasmo avranno preso le piccole anfore per attingere acqua e colmare di oltre seicento litri quelle giare! E quanti improperi avranno mandato a quel giovane taciturno e bislacco. Quante volte vorrei mollare, anch’io. Ma tengo duro. E riempio le giare, anche se sono di pietra.

Quell’acqua attinta e servita al sommelier diventa un vino straordinario. Tale da entusiasmare il maestro di tavola che si complimenta con lo sposo. E da servo divento sommelier.

  1. Una storia d’amore

Anch’io faccio i complimenti a Cristo, lo sposo, per tutta l’acqua che ho visto trasformarsi in vino. Litri. Ettolitri. Intere botti di ottimo vino. Perché questo matrimonio, questa festa, questo segno numero uno, è la storia d’amore fra lo sposo, Dio, e la sposa, Israele. E dei servi, noi, che partecipano a questa festa. E della madre del Signore, prima fra i discepoli, prima fra i credenti, che discretamente si accorge dell’assenza della gioia.

E provvede, spingendo ad agire il Signore. E noi. Inizia così il nostro anno civile. Annotando, con amarezza, quanto sia faticosa la nostra vita quando manca il vino della gioia. E guardando avanti. Offrendo un percorso. No, non stiamo precipitando nel caos. E nemmeno nella disperazione più cupa. Alcuni aspettano la fine della festa, incuranti di quanto accade. Altri si lamentano con l’imperizia dello sposo.

A noi è chiesto di riempire le giare fino all’orlo. Anche se solo di acqua. L’incontro con Dio è una festa di nozze. Una grandiosa festa di nozze. Il segno numero uno, diventa per noi il segno numero due. E tre. E quattro. Eccomi, Signore. Pronto a riempire le giare.

don Erminio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file ( cookie) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici), per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione ( cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma [tu] hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore . Cookie policy