IL VANGELO DELLA DOMENICA

«In verità, in verità io vi dico: viene l’ora – ed è questa – in cui i morti udranno la voce del Figlio di Dio e quelli che l’avranno ascoltata, vivranno.

Riflessione a Cura di Mons. Erminio Villa

18 settembre 2022

III DOPO IL MARTIRIO (C)

VANGELO Gv 5, 25-36
Lettura del Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo. Il Signore Gesù disse: «In verità, in verità io vi dico: viene l’ora – ed è questa – in cui i morti udranno la voce del Figlio di Dio e quelli che l’avranno ascoltata, vivranno. Come infatti il Padre ha la vita in se stesso, così ha concesso anche al Figlio di avere la vita in se stesso, e gli ha dato il potere di giudicare, perché è Figlio dell’uomo. Non meravigliatevi di questo: viene l’ora in cui tutti coloro che sono nei sepolcri udranno la sua voce e usciranno, quanti fecero il bene per una risurrezione di vita e quanti fecero il male per una risurrezione di condanna. Da me, io non posso fare nulla. Giudico secondo quello che ascolto e il mio giudizio è giusto, perché non cerco la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato. Se fossi io a testimoniare di me stesso, la mia testimonianza non sarebbe vera. C’è un altro che dà testimonianza di me, e so che la testimonianza che egli dà di me è vera. Voi avete inviato dei messaggeri a Giovanni ed egli ha dato testimonianza alla verità. Io non ricevo testimonianza da un uomo; ma vi dico queste cose perché siate salvati. Egli era la lampada che arde e risplende, e voi solo per un momento avete voluto rallegrarvi alla sua luce. Io però ho una testimonianza superiore a quella di Giovanni: le opere che il Padre mi ha dato da compiere, quelle stesse opere che io sto facendo, testimoniano di me che il Padre mi ha mandato».

1. I capi di imputazione di Gesù

Gesù aveva guarito un paralitico alla porta delle pecore. Grande scandalo! L’aveva fatto di sabato. 

    La notizia arriva nel tempio. Dove si scatena la reazione. Anche dura. 

    “Per questo i Giudei perseguitavano Gesù perché faceva le cose di sabato“. 

    E poi: “Cercavano an- cor più di ucciderlo perché non soltanto violava il sabato, 

    ma chiamava Dio suo Padre facendosi uguale a Dio“.

Adesso capiamo perché in questo discorso di Gesù ritorni così spesso la parola “padre”: 

    “il Padre mio”. Chiamava Dio “suo padre”.

    L’aveva chiamato tale dicendo, a proposito della guarigione del paralitico, 

    che lui non poteva fare diversamente: lui faceva le cose che fa il Padre suo, Dio. 

Tutto il brano è giocato su uno specchiamento: 

    Il figlio si specchia nel padre e il padre si specchia nel figlio. 

A Gesù non interessa la sua gloria. Al contrario dei suoi oppositori: a loro sì, 

    a loro, uomini della religione, interessava semplicemente la loro gloria. 

    Tant’è che pur avendo mandato uomini dal Battista per ascoltare la sua testimonianza, 

    se ne erano lasciati illuminare solo per poco, poi aveva prevalso la sete della loro gloria, 

    il culto della loro immagine. Non era quello che muoveva Gesù.

2. Il riferimento continuo al Padre

Se la relazione di Gesù è sempre col Padre, aveva lui come il suo riferimento. 

    Allora arriva a noi una domanda: le mie scelte da chi, da che cosa sono dettate? 

    Dall’amore, dalla ricerca inquieta della mia gloria? 

    A chi guardo, di chi ascolto la voce, quando devo fare delle scelte? 

    Non dovrei anch’io frequentare più assiduamente il mio spazio interiore, 

    coltivare una relazione preferenziale con un Dio che mi è Padre? 

3. Gesù testimonia il Padre, e il Padre dà testimonianza al Figlio 

Dio per lui non era un nome pallido, sbiadito, scolorito. Il suo Padre, Gesù l’aveva visto operare. 

    E’ attraverso le opere e non nelle chiacchiere, fossero pure religiose, 

    che si fa conoscenza vera dell’altro.

    E proprio attraverso l’operare di suo Padre Gesù aveva fatto esperienza 

    di un Dio molto lontano dall’immagine ingessata che veniva proposta nel tempio. 

    Un Dio ingessato nei precetti e nelle tradizioni.  

Pensiamo alla grazia che ci è stata fatta: per farci un’immagine non contraffatta, ma autentica di Dio,

    noi ora abbiamo un luogo, una persona. Specchio di Dio, con la sua vita e la sua morte, 

    con le sue scelte, con le sue opere, è per noi Gesù di Nazaret. 

Ebbene specchio di questa immagine promettente di Dio è Gesù, che fa camminare il paralitico, 

    che mangia con pubblicani e peccatori. Ecco perché erano inorriditi gli uomini del tempio. 

    Era il vero racconto di Dio. Dio è da raccontare

    Questo verbo dice molto del verbo “testimoniare”, più volte incontrato nel brano di Giovanni.

Testimoniare non è fare esposizioni apologetiche o dissertazioni teologiche, 

    che lasciano il tempo che trovano, soprattutto nelle donne e negli uomini d’oggi. 

    C’è un abisso tra proclamare e raccontare. La proclamazione ha molto dell’impersonale, 

    dall’alto in basso. Nel racconto ci sei tu, c’è qualcosa da cui tu sei stato affascinato, 

    ti si infiammano gli occhi. Non è una fredda esposizione, il racconto ha un calore. 

E forse è questo che è venuto a mancare, nei nostri discorsi: c’è molta teoria, e poca pratica.

    Ci suggerisce il salmo 78: “Ciò che abbiamo udito e conosciuto e i nostri padri ci hanno     raccontato non lo terremo nascosto ai nostri figli, raccontando alla generazione futura 

    le azioni gloriose e potenti del Signore e le meraviglie che egli ha compiuto” (78,3-4).

don Erminio

https://lh3.googleusercontent.com/a-/AFdZucojFMOs4L4TtgdlwqzNhV9-sM5NXC9zNK2V5kaN=s40-p

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file ( cookie) sul dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici), per generare rapporti sull’utilizzo della navigazione ( cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma [tu] hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore . Cookie policy